Crollo a Casablanca: 4 morti e 55 feriti. Foto e video dai social network.

Almeno 4 persone sono morte e una cinquantina sono rimaste ferite più o meno gravemente a causa del crollo di tre condomini a Casablanca, la capitale economica del Marocco.I condomini sono praticamente collassati nel quartiere Bourgogne di Casablanca proprio di fianco al litorale durante la notte fra giovedi 10 e venerdi 11 luglio 2014 alle ore 2:30 del mattino.
Il motivo del crollo non è ancora stato stabilito con certezza anche se si sospetta che il motivo sia da ricercare nei lavori che erano in atto al piano terra di uno degli edifici coinvolti.

Alcuni residenti invece imputano la colpa del crollo dei palazzi di Casablanca alla stessa Città di Casablanca per aver dato il permesso di costruire il 5° piano (aggiunto recentemente) ad uno dei palazzi coinvolti nei crolli, senza che la struttura dello stesso fosse in grado di sopportare l’ulteriore peso.

I soccorsi hanno portato assistenza a 47 persone e 6 bambini, coinvolti nel crollo.
I primi corpi ad essere stati estratti senza vita dalle macerie sono quelli di un bambino di 10 anni e di una donna di una quarantina d’anni.
I feriti sono stati accompagnati presso gli ospedali Moulay Youssef e il Centro Ospedaliero Universitario (CHU) Ibn Rochd.

Casablanca, la città più popolata del Marocco, è una megalopoli di oltre cinque milioni di abitanti, e conta soprattutto nella città vecchia (médina) molti palazzi costruiti senza particolari accorgimenti di sicurezza. Non è infatti la prima volta che questi alloggi crollano.

Nel 2012 altre due persone erano morte a causa del collasso di una casa in un quartiere della médina.
Secondo una stima del ministero per l’abitazione del Marocco, fra i 4.000 e i 7.000 alloggi sono a rischio a Casablanca. Diversi interventi sono stati già eseguito e sono tuttora in corso per garantire nuovi alloggi agli abitanti.

Anche il Re del Marocco Mohamed VI, con la sua delegazione, si è recato sul luogo del crollo per dare conforto e mostrare la vicinanza alle vittime e agli abitanti del quartiere.

Ancora una volta i social media come Twitter e YouTube sono stati i primi a diffondere la notizia del crollo a Casablanca come potete vedere dai twitt riportati qui di seguito che hanno diffuso in anteprima le foto e i video del gravissimo crollo.

casablanca_crollo3 casablanca_crollo2 casablanca crollo

Consulta la galleria di foto del crollo di Casablanca: