Falsi profili e “Like”: Facebook prende provvedimenti

Falsi profili con nomi di aziende e brad, strategie per catturare falsi “like” sulle pagine di aziende… e Facebook prende provvedimenti!

“A Like that doesn’t come from someone truly interested in connecting with a Page benefits no one”. Questo l’incipit della nota pubblicata il 31 agosto scorso con cui gli amministratori di Facebook, preso atto della tendenza di acquistare o procurare falsi Like sulle fanpages di aziende e brands, annunciano severi e accurati controlli.

Ma andiamo per ordine. Che i social network non siano più esclusivamente una divertente distrazione è da tempo chiaro a tutti. Se ne sono accorte soprattutto le aziende che, spesso incentivate da agenzie di marketing o professionisti della comunicazione, prendono ormai d’assalto Twitter, Facebook, Google+ (per nominare i più popolari), ma anche Foursquare, Instagram e l’ultimo arrivato Pinterest, per promuovere prodotti o servizi e per accrescere la propria popolarità.

Quando di mezzo ci sono gli affari poi, il gioco si fa duro…e non sempre corretto! Ne abbiamo avuto conferma in questi ultimi mesi in cui si è parlato moltissimo dei poco ortodossi metodi utilizzati da molti per “millantare” una non reale popolarità online, come nel caso dei falsi followers che ha coinvolto anche politici e professionisti.

Se Twitter è stata la prima vittima, tutti immaginavamo che a breve la polemica avrebbe investito anche Facebook. Ma nessuno, probabilmente, si sarebbe aspettato che Mark Zuckerberg mettesse le mani avanti in modo da tutelare – a ragione – la credibilità del social network e ribadire la necessità di rispettarne i termini di utilizzo, preannunciando l’automatica rimozione dei “mi piace” sospetti: “(…) we have recently increased our automated efforts to remove Likes on Pages that may have been gained by means that violate our Facebook Terms”.

Probabilmente quella di Facebook è solo un’operazione preventiva per scoraggiare le aziende dall’usufruire in futuro di poco corretti servizi di acquisto di falsi like, che rischierebbero di rovinare la reputazione di un social network che guadagna sulla condivisione di contenuti autentici e dare avvio, ipoteticamente, ad azioni legali tra le aziende per pratiche di concorrenza sleale cui Facebook sarebbe necessariamente coinvolta.