GMail e le notifiche push su iPhone



Alcuni utenti ci stanno segnalando delle difficoltà ad impostare il proprio indirizzo GMail nell’iPhone utilizzando Exchange per ricevere le notifiche push. Il server Exchange sembra non rispondere. Per alcuni utenti il servizio Exchange per ricevere notifiche push sulla ricezione di nuove email su account GMail funziona ancora.. ad altri non funziona. Vediamo il perché!

Gli utenti iPhone / iPad più evoluti da molto tempo utilizzano la modalità Exchange per gestire i proprio account GMail dal proprio dispositivo. Questa è la modalità che permette di ricevere in tempo reale le notifiche push quando si riceve una nuova email:gmail push exchange
Censendo invece la mail con le impostazioni classiche “Gmail” previste dal nostro iPhone, possiamo utilizzare il nostro account GMail, ma non riceviamo le notifiche push istantanee alla ricezione di nuovi messaggi.

Le notifiche push di Gmail non funzionano più. Errore Exchange per la posta Gmail nell’iPhone:

Google ha dichiarato già a dicembre 2012 di voler abbandonare la piattaforma Exchange:

Sintetizzando, Google afferma che Google Sync è stato progettato per consentire l’accesso a Google Mail, calendario e contatti tramite il protocollo Microsoft Exchange ActiveSync ®.
Con il recente lancio di Mac OS x server, ora Google offre un simile accesso via IMAP, CalDAV e CardDAV, rendendo possibile creare un’esperienza perfetta di sincronizzazione utilizzando protocolli aperti. Dal 30 gennaio 2013, i consumatori non saranno in grado di impostare nuovi dispositivi utilizzando Google Sync. 

Tuttavia, le connessioni Google Sync esistenti continueranno a funzionare. Google Sync continuerà ad essere pienamente supportato per  le App business di Google, per il governo e scuole.

gmail_push_iphoneCosa significa tutto questo ? Posso continuare ad avere le notifiche push con GMail nell’iPhone?

In breve, potete continuare ad usare Exchange (ed usufruire delle notifiche push su iPhone / iPad)  solo a queste condizioni:

  • utilizzavate già il servizio Exchange: potete continuare ad usarlo ma solo con il vostro dispositivo; cambiando dispositivo (ad esempio in caso di sostituzione in garanzia) perderete questa opportunità
  • avete un account “premium”  o un account a pagamento di Google App

Quindi, potete continuare ad usare l’app “Posta” di default del vostro iPhone e iPad, ma a meno che non si verifichi almeno uno dei due requisiti qui sopra, non potete utilizzare il protocollo Exchange che vi permette di avere le notifiche push.

Configurate pertanto il vostro account GMail in modo classico, andando in impostazioni / posta, contatti, calendari / Aggiungi account… e selezionando “GMail”. Non serve conoscere parametri di configurazione per Gmail, il vostro iPhone vi guiderà: dovrete inserire il nome utente (che è l’indirizzo email completo) e la password.

Se volete potete impostare il vostro iPhone in modo che controlli in automatico la posta ogni n minuti. Ricordate che questa attività, soprattutto se controllate più indirizzi email genera un aumento di consumo della batteria… quindi a meno che le email non siano per voi veramente prioritarie, un controllo ogni ora solitamente è più che sufficiente.

Come avere le notifiche push immediate per le mail di GMail su iPhone/iPad?

Salvo ricorrere a servizi di terze parti a cui dovete concedere l’accesso alla vostra casella mail, o altre tecniche varie troppo invasive per la tutela dei nostri dati, la soluzione alternativa è di utilizzare l’app nativa di GMail per iPhone.

Questa vi permette di avere il controllo della vostra casella e di essere notificato in tempo reale (notifiche push) sulla ricezione di nuove mail.

Gmail - l'email di Google Google, Inc. Categoria: Produttività, Social network
Valutazione: 4+
Versione: 5.0.171020
Gratis

Ovviamente l’app GMail (scaricabile gratuitamente dall’app store o cliccando sul link qui sotto) ha degli svantaggi:

  • il client non è così lineare come l’app ufficiale iPhone/iPad
  • se avete anche indirizzi non GMail sarete costretti ad utilizzare due diversi programmi per controllare la posta, e non avrete più quindi l’utilissima funzione di vedere contemporaneamente la posta in ingresso di più caselle (GMail e non)
  • l’app Gmail risulta, se pur molto migliorata rispetto al passato, più lenta di quella nativa iPhone