Google I/O 2013: tutte le novità di Google … per tutti!



Da poche ore si è concluso Google I/O 2013, l’evento annuale in cui Google presenta le novità introdotte o che rilascerà a breve (entro il 2013). L’evento inoltre traccia la linea che Google vuole tenere per il futuro, e come sempre la società di Mountain view si dimostra avanti anni luce rispetto alla concorrenza!

Le novità presentate da Google sono davvero numerose ed estremamente interessanti, e in certi casi potrebbero influenzare alcuni aspetti della nostra vita. Google non è affatto nuova a sorprenderci, l’ha fatto appena qualche mese fa con l’introduzione dei Google Glass ( Presentazione Google Glass ) e continua a farlo.

Abbiamo pensato di darvi un brevissimo riassunto di quello che è stato presentato durante il Google I/O e di farlo in modo da renderlo accessibile a chiunque, anche ai meno tecnici, proprio seguendo il line-up di Google.

google_play center

Google Play Games

Il nuovo Google Play Games è ufficialmente l’avversario del Game Center di Apple: classifiche, trofei, punteggi live da condividere con gli amici. Salvataggi dei giochi fatti nel cloud in modo da mantenerli giocando su dispositivi diversi, o quando si cambia dispositivo. Possibilità di riprendere una partita interrotta anche da un altro dispositivo, fare partite in multigiocatore in tempo reale per sfidare gli amici e tanto altro ancora. Apple inizia a tremare?

 

google Google Play Music All Access

Google Play Music All Access

Google Play Music All Access è una piattaforma che consente di accedere a migliaia di brani di musica. Entra in diretta competizione con altri servizi già noti come Spotify, Deezer, e tanti altri.
Anche in questo caso da una singola canzone è possibile generare una radio, con playlist da modificare a piacimento, gestendo così in modo estremamente personalizzato la propria esperienza di ascolto musicale.

Grosso vantaggio di Google Play music è la possibilità di “fondere” i brani offerti ni streaming, con la propria libreria personale che puo’ essere costituita da brani acquistati, o da Mp3 in vostro possesso da caricare nel cloud. Tutto questo ovviamente accessibile sia da web che da smartphone e tablet.
Il servizio costerà esattamente come Spotify: 9,99$ in America ed avrà un periodo di prova gratuito di 30 giorni, in maniera particolarmente simile a quanto avviene già con i servizi della concorrenza.

 

Google HangoutsHangouts

Definire Hangouts un servizio di messaggistica alla stregua di WhatsApp è un po’ limitativo. Hangouts permette di inviare messaggi ai vostri contatti, ma anche di videochiamarli o di fare Hangouts (videoconferenze con più utenti contemporaneamente; attualmente fino a 4, ma il numero verrà presto aumentato).

Altro valore aggiunto di Hangouts è di essere pienamente compatibile e disponibile su tutte le piattaforme: a partire ovviamente dai dispositivi Android, a iOs, ma addirittura accessibile dal web tramite delle estensioni di Chrome, o all’interno di un qualsiasi browser. Hangouts è già disponibile per iPhone/iPad e ovviamente per dispositivi Android, dove andrà presto ad integrarsi direttamente con la gestione di SMS.

Hangouts Google, Inc. Categoria: Social network
Valutazione: 4+
Versione: 13.0.0
Gratis

Google-MapsAggiornamento di Google Maps

Google ha rivisto una delle sue applicazioni più classiche: Google Maps. Nuova grafica, modalità a tutto schermo. E’ possibile cercare sia una località che qualsiasi attività commerciale nei dintorni, con i risultati mostrati in tempo reale. Vengono poi segnalati i luoghi già visitati e quelli consigliati in base ai propri gusti personali. Possibilità di generare in tempo reale un tragitto da seguire con le indicazioni puntuali turn by turn come un navigatore. Grazie alla fusione con Google Earth, sarà possibile visualizzare le riproduzioni 3D delle città o l’interno degli edifici direttamente nel browser, senza la necessità di installare altri software o plugin.

Google-Now-Google-I-O-nowAggiornamento di Google Now e delle ricerche.

Introdotte le ricerche vocali anche in Google Chrome, sia per dispositivi mobili che computer: la ricerca si attiverà direttamente dicendo “Ok Google”.
Nuove schede per il servizio Google Now che forniscono informazioni all’utente basandosi su posizione, attività ripetitive, eventi del calendario, ricerche effettuate, ecc..
Migliorie nel riconoscimento vocale e nelle risposte vocali fornite. Il tutto viene ancora una volta potenziato. Stiamo passando dall’era del touch a quella della voce!

 

 

WebP WebMNuovo formato di immagine: WebP diventerà il nuovo concorrente del formato jpg largamente usato da molti anni sul Web. Il formato WebP oltre ad essere estremamente compresso (fino ad un 30 % di risparmio sulle dimensioni dei file senza perdere in qualità) supporterà anche le azioni animate.
Il formato WebP potrà essere introdotto a brevissimo su tutti i siti in modo da garantire un tempo di caricamento della pagine internet molto minore.

Nuovo formato di video: Webm che permetterà di avere video oltre il 60% più leggeri dei classici video utilizzati attualmente. La tecnologia sarà introdotta a brevissimo già su YouTube permettendoci di salvare oltre la metà del traffico dati del nostro dispositivo. Pensate a quanto traffico dati potrete risparmiare guardando video nel nuovo formato!

 

Google play for educationalGoogle Play for Educational

Google si affaccia al mondo dell’educazione sfruttando la propria tecnolgia per distribuire informazioni nelle scuole e nelle università, proprio come ha già fatto Apple qualche tempo fa. Google ha già in casa un ottimo strumento (Google Groups) per permettere alle scuole di ogni ordine e grado di condividere le informazioni. Saranno inoltre rese disponibili dall’autunno di quest’anno una serie di applicazioni per studenti e docenti.

 

Google+ I/O 2013

Tante novità per Google+

Il social network di Google, Google+ subirà molti cambiamenti sia a livello grafico per renderlo più gradevole e facile da usare, sia a livello concettuale introducendo alcuni servizio come ad esempio gli hashtag tipici di Twitter.

Le informazioni verranno mostrate in colonne dinamiche (1, 2 o 3 a seconda della risoluzione e dell’ampiezza del monitor utilizzato) con un nuovo algoritmo per posizionare in automatico le notizie nel punto giusto.

 

google_fotoritocco

Nuovi strumenti per il fotoritocco e l’image editing

Google introdurrà nelle proprie app e nei siti web una serie di strumenti online e semplicissimi da usare che vi permetteranno di ritoccare in poche semplici mosse le vostre foto prima di pubblicarle.

Ritagliare, cambiare le tonalità dei colori, collage, panorama, HDR e tanto altro ancora!
Nuovissime funzioni permetteranno di scartare automaticamente fotografie riuscite male, sfuocate, sovraesposte.. tutto in automatico!

 

 

Google I/O 2013Ecco le altre novità:

CheckOut che permetterà di eseguire pagamenti in massima sicurezza ma con una semplicità estrema, utilizzando i dati di carte di credito gelosamente custoditi in Google Wallet, una sorta di “Paypal” targato Google. Google Wallet custodirà gelosamente i dati delle vostre carte di credito, permettendovi di pagare, anche tramite email, senza dover trasmettere a sconosciuti i vostri dati personali.

Strumenti per sviluppatori Google: presentate nuove API che sono una sorta di “facilitatori” per includere i servizi opperti da Google Maps in applicativi, servizi web, e così via, in modo da rendere disponibili tali servizi in un modo molto più semplice e preciso. Da notare che i nuovi servizi di localizzazione studiati da Google consentiranno un notevole risparmio del consumo della batteria (i servizi di geolocalizzazione sono fra le cause maggiori di una diminuzione della carica della batteria del vostro smartphone.

Presentato Android Studio, un ambiente di sviluppo per creare app per dispositivi Android che permette di lavorare più velocemente durante la fase di programmazione, e facilitare i creatori di un’app nel renderla multilingua.

Presentato un nuovo dispositivo Galaxy S4 Pure Android che porta l’interfaccia pulita ed originale di Google su uno dei migliori dispositivi hardware attualmente in circolazione (ricordiamo che attualmente il firmware del Samsung Galaxy S4 è “manipolato” ed ampliato da Samsung, e questo non permette di avere pronti rilasci sulle versioni di firmaware in circolazione.