Mark Zuckerberg partecipa con lo staff di Facebook al Gay Pride Parade di San Francisco

Il CEO e fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha partecipato assieme a 700 dipendenti di Facebook alla parata del Gay Pride di San Francisco domenica 30 luglio.

Sicuramente il fondatore di Facebook ha voluto partecipare ad un momento molto significativo della vita degli Stati Uniti: appena il giorno precedente, la Suprema Corte americana ha bocciato come anticostituzionale la legge a difesa del matrimonio eterosessuale (DOMA) “Defense of Marriage Act” sancendo di fatto la parità fra un matrimonio eterosessuale ed omosessuale e facendo decadere una legge del 1996 che negava diritti federali alle coppie dello stesso sesso sposate in uno degli stati che permettono il matrimonio omosessuale.

Mark Zuckerberg non si è presentato da solo al Gay Pride: ha accompagnato oltre 700 dipendenti di Facebook (pensate, oltre il 15 % della forza lavoro di Facebook secondo il Wall Street Journal !). Di certo si sono fatti notare, in quanto tutti indossavano una maglietta appositamente studiata di colore viola o rossa e con il grande logo di Facebook (come potete vedere nelle fotografie).

zuckerberg facebook gay pride
In effetti anche gli anni passati i dipendenti avevano partecipato in veste ufficiale “Facebook” ai Gay Pride precedenti, ma questa volta, probabilmente grazie alla presenza di Mark Zuckerberg si è creato un gruppo davvero enorme, largamente acclamato dalla folla.

zuckerberg-parade1aAnche altre compagnie della Silicon Valley hanno partecipato come ad esempio Google e Apple al Gay Pride di San Francisco, ma sicuramente la quantità di persone di Facebook e le magliette viola hanno fatto cadere in secondo piano le altre grosse aziende.

Come se non bastasse, Facebook ha modificato il logo sui grandi cartelloni intorno al campus per sancire ancora una volta il proprio appoggio alla comunità LGBT, inserendo un anello “rainbow” nel classico logo “Mi Piace“:
Facebook-Pride-ThumbsUp_Pride

Zuckerberg ci crederà veramente ai diritti LGBT o sarà l’ennesima trovata pubblicitaria?

photo curtesy of Mashable.com