WhatsApp a pagamento: la bufala ritorna

Molti lettori ci hanno segnalato con preoccupazione di aver ricevuto su WhatsApp diversi messaggi dai propri contatti che li informano che WhatsApp diventerà a pagamento. Vediamo di cosa si tratta.

Il messaggio proviene dai nostri contatti e recita esattamente cosi:

| Sabato mattina whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg). Whatsapp costerà 0,01€ al messaggio. Mandalo a dieci persone.
“Salve, siamo Andy e Jonh, i direttori di whatsapp. Qualche mese fa vi abbiamo avvertito che da quest’estate whatsapp non sarebbe stato più gratuito; noi facciamo sempre ciò che diciamo, infatti, le comunchiamo che da oggi whatsapp avrá il costo di 1 euro al mese. Se vuole continuare ad utilizzare il suo account gratuitamente invii questo messaggio a 20 contatti nella sua rubrica, se lo farà, le arriverá un sms dal numero: 123#57 e le comunicheranno che whatsapp per LEI è gratis!!! GRAZIE…. e se non ci credete controllate voi stessi sul nostro sito (www.whatsapp.com). ARRIVEDERCI.
PS: quando lo farai la luce diventerà blu (se non lo manderai l’agenzia di whatsapp ti attiverà il costo ).

Si tratta di una evidente bufala.
Si invitano i destinatari di questo messaggio ad inoltrare il messaggio stesso ad almeno 20 contatti per dimostrare di essere degli assidui utilizzatori di WhatsApp e di “meritare”  pertanto la versione gratuita.

Da cosa si capisce che il messaggio di WhatsApp a pagamento è una bufala?
Sinceramente si capisce da moltissimi aspetti fra cui:

  • il “logo” di WhatsApp è troppo generico.. se parliamo di icona, ma questa non può cambiare visto che il l logo registrato di WhatsApp è a sfondo verde.
  • Andy e Jonh (oltre al fatto che Jonh è scritto in modo errato) non sono i “direttori” di WhatsApp: come sapete WhatsApp è stata acquistata da Facebook, ed il nome degli “inventori” di WhatsApp è Jan Koum e da Brian Acton
  • si invitano gli utenti a verificare la veridicità dei quanto scritto sul sito di WhatsApp.. ma come potete vedere tutti nello stesso sito c’è scritto: “Con WhatsApp, la messaggistica e le chiamate sono veloci, semplici, sicure e gratuite*, disponibili sui telefoni di tutto il mondo.”. Il rimando dell’asterisco spiega semplicemente che alcuni operatori potrebbero far pagare il costo della connessione dati necessaria per far funzionare WhatsApp.

E per quale motivo qualcuno mette in giro queste bufale? I motivi non sono chiari: è possibile che sia semplicemente un test per vedere quanto verrà diffuso viralmente il messaggio (una sorta di scherzo); altri pensano sia diffuso dai concorrenti di WhatsApp (come ad esempio Telegram) per spingere le persone ad abbandonare la piattaforma WhatsApp.. ma questa a nostro avviso.. è un’ennesima bufala!